From Milano to Sidney on a Fiat Cinquecento.

Just another WordPress.com site

Lamazia Georgia.

with 2 comments

[en]

It was a frisky morning. It had rained that night and I felt what the humidity had done to my body. I didn’t fail to wake Red abruptly and have him fix a bit of coffee for breakfast.

As he snoozed away once more, I breathe in the thin fresh of Tusheti, still in disbelief to find myself sitting on an immense terrace, in a private cottage by the river, looking at all this green and blue.

Parna and Piro, the truck drivers from last night, that were ready to come to our rescue, wave to me from afar. They were fixing in a new gigantic tire on that insane contraption.

I had started to clean up the dishes, reorganize our items inside the car and refill our tank and bottle with fresh mineral water, when a boy came to me to ask if I needed anything. It was then that he offered his services for any assistance. I said there was no need. He came to me again and again in a very short time frame. He spoke in simple English with extremely polite manners and soft tone. I came to understand soon enough that he was continuously sent over by his father, who I believe wanted to get to know the nutters driving a Fiat 500 to reach these mountains, apart from being genuinely hospitable.

I ended lunching with this family of 4 men while Simon was talking to 2 motorcyclist that had also found themselves to be in the area. One of them was a Turkish guy driving from Istanbul for a month with a small Yamaha 125cc!! Quite crazy! And the other a German has been riding aimlessly since May.

The boy, Niki/Nikolai, is the youngest and was translating almost everything, though there were few to translate. Conversation was a bit short but they were intent on treating their guest as queen. David, Niki’s father, insisted on details of the car, changed my plate after each dish which bothered me because no one else did the same, did not want to have his picture taken while he was cooking, serving, or cleaning because they were housewives’ chores.

Omar, David’s father, was originally from this valley, has Tusheti in his blood, grew, reaped and made all the food on our table, including the alcoholic beverages. He later gave us the gift of a large bottle of delicious white wine he had made. Then there was David’s brother in law, as much as a tourist as I was, that kept on documenting events more than I did. It was a feast of freshly butchered goat on the pan, Imeruli and Sulguni of Tusheti (fresh goat cheeses), scrumptious tomato salad, meatballs, Georgian prune sauces that I go nuts for, wooden baked bread and of course ritual toasts, with home made wine, local beer and vodka, vodka, vodka and vodka. A toast to the family, a toast to the land, a toast to the ancestors, a toast to Saint John and his monastery and a toast to god that bless them all. To top up were large servings of watermelon and of course, homemade lavender tea made by Omar.
Simon, who arrived late, had also his full share.

Knowing of our difficulties with the muddy road last night, they drove us from the small village of Galla to the high hills of Omalo to see the ancient towers were the view was incredible. A much vaster valley than that of Stepantsminda with the Dagestan viewable at the farthest horizons.



Baby 500 would have never made the last 13km to destination. We were on a 4 wheel jeep that drove over wide crevasses with some difficulties, and there were still the muddy pools after the village to overcome beforehand. We made quick tidings to the village that had hosted us amicably and drove back passing through the feared drive up to high pass with the possibility of storm behind our back, the same storm that has been brewing these past days in the valley, elevating the level of challenge for Red and the 500. Driving back speedily, our first obstacle was driving upwards through a brook, naturally made by a melting glacier, through 40 meters of what used to be a road. We already knew that this specific point would be hard to surpass. I ended up constructing a partial dry road, between the pebbles and drifting water and the ledge, by either throwing down stones or compiling them. My heart was beating faster, and clenching all clench-able parts of my body, as Red made the final drive up this small fitted “road” that was not an easy feat.

The drive back was faster and smoother than predicted. The late afternoon sun intensifies color saturation and these high mountains seem to be covered in lustrous green velvet, with hints of gold and lavender at the summits, then covered with dark green moquette of pine trees. The sight of the winding road, a thin curvy endless line down below made quite and impression. When we finally hit asphalt and made our farewell to the rocky roads, It was hard to believe that we had managed to go that far and back, miraculously without puncturing our tire.


We headed directly for Azerbaijan. The border of Balakan was 280 km away, though sad to leave Georgia it was time to move on. The drive towards Lagodekhi went smoothly apart from a minor sent back when we were stuck in the middle of the road without petrol, there was no pump at sight and we were running on empty after the trying drive in Tusheti. We were helped by a young clergy that drove me to the nearest village and then back again with a full spare tank.

We had our last Khachapuri in the only restaurant in Lagodekhi before crossing. I was held up again, of course, due to the odd nationality, but we passed through without a hitch. On the Azerbaijan side, we were asked to wait for customs and insurance, in an uncomfortable situation where a young officer changed the channel on the television to a Russian techno-rap music channel than showed videos that were closer to tasteless soft porn. It was funny to see all the men distractingly looking at the screen every once and a while, with wide eyes and open mouths.

We headed for Seki in the middle of the night and arrived at 4am at the only place we managed to find to pass the rest of the night: a motel at a station of Azpetrol company, on the highway to Baku. We were greeted by a short gold-toothed who had tried to explain something we understood only later. Since we were not married, he had insisted on giving us 2 rooms instead of one, which would cost more. And in the end he compiled 2 receipts as though we were given 2 rooms, agreeing on a discount for the one unused. It was too late to argue, we were tired and had no force for further body language experiments, so we bit the bullet, paid the extra 50% and went to sleep.

We have been in Islamic countries before but I had not expected such events in an Azerbaijan that is considered to have moderate religious tendencies.
[ad#Google Adsense 336 x 280]
[/en]

[it]
La mattinata era decisamente fresca. Durante la notte aveva piovuto e l’umidità non aveva certo migliorato la mia condizione fisica. Comunque, non ho mancato di svegliare Red in modo brutale per fargli preparare una tazza di caffè, per la prima volta dall’inizio del viaggio.

Mentre di nuovo si assopiva, l’aria fresca di questa mattina in montagna era un piacere da respirare. Ed ancora non riuscivo a credere di essere seduta su una immensa terrazza di una dacia in riva al fiume, con un panorama infinito di verde e di blu.

Parna e Piro, I due camionisti di ieri sera che erano stati pronti nel muovere il loro truck per salvare la 500 dal fango, mi hanno salutato dal fondo della valle. Erano impegnati nel montaggio di una ruota enorme su uno strano veicolo del cantiere.

Avevo appena iniziato a pulire I piatti, riorganizzare le nostre cose nella macchina e riempire le taniche e le bottiglie di acqua, quando un ragazzo si è avvicinato e mi ha chiesto se mi servisse qualcosa. E’ tornato dopo poco per sapere se potesse aiutarmi in quello che stavo facendo, ma gli ho risposto che non c’era bisogno e potevo fare da me. Ma lui è tornato più e più volte in poco tempo, ed ho capito che era suo padre a mandarlo di continuo, forse anche per sapere come diavolo avesse fatto il nostro piccolo mezzo a spingersi fin quassù, oltre che per una ospitalità decisamente spontanea. Il ragazzo parlava un inglese semplice ed aveva modi gentili e pacati.

Alla fine, mi sono trovata a pranzo con l’intera famiglia di 4 uomini, mentre Simone stava chiaccherando con due motociclisti anche loro in transito verso Omalo. Uno dei due era in giro da parecchie settimane con una piccola Yamaha 125cc, da Istanbul, mentre il secondo era un ragazzo tedesco con una BMW a zonzo da Maggio.

Durante il pranzo il ragazzo, di nome Niki o Nikolai, andava traducendo tutto quanto possibile, anche se non abbiamo poi chiaccherato tanto. Tuttavia ero l’ospite e quandi andavo trattata come una regina. David, il padre di Niki, era sempre più curioso della nostra auto ed insisteva per cambiare il mio piatto dopo ogni pietanza, cosa che non avveniva con gli altri miei commensali. Ho provato a scattare qualche foto mentre cucinava e serviva in tavola, ma non ho potuto perchè, essendo considerate mansioni poco virili, non voleva essere immortalato.

Omar, il padre di David e nonno di Niki, è originario di queste valli ed ha il Tusheti nel sangue. Ha curato e raccolto tutto quello che abbiamo sulla tavola, compreso l’ottimo vino rosato di cui ci ha regalato una bottiglia. Per finire c’era con noi il fratellastro di David, che sembrava molto più un turista di quanto non fossi io, intento a riprendere tutto in modo ossessivo con una piccola videocamera. E’ stato un festival di carne di capra fresca appena cotta, Imeruli e Sulguni del Tusheti (che sono formaggi freschi di capra), clamorose insalate di pomodori succosi, polpette, salsa di prugne georgiane per cui impazzisco, pane cotto nel forno a legna, il tutto innaffiato da vino locale e continui brindisi, birra e vodka, vodka ed ancora vodka. Un brindisi per la famiglia, uno per la terra, uno per gli antenati, uno per San Giovanni ed il suo monastero ed uno direttamente a Dio di modo che abbia cura di loro tutti. Per finire, una succosa anguria e del the alla lavanda preparato a mano da Omar. Simone, arrivato dopo la chiaccherata, ha avuto comunque la sua parte.

Sapendo delle difficoltà avute con la strada piena di fango la notte scorsa, ci hanno accompagnato con la loro jeep dal piccolo gruppo di case fino alle altissime montagne di Omalo con le sue torri divensive, da dove la vista era veramente incredibile. Uno spazio molto più vasto del Kazbegi, da dove era possibile vedere il Dagestan in lontananza.



La 500 non ci sarebbe mai arrivata, era fisicamente impossibile. Gli ultimi 13 chilometri hanno messo a dura prova anche la jeep, lanciata a superare spaccature enormi sulla strada e, comunque, pozze di fango troppo grandi per il nostro mezzo.Dopo una breve visita siamo tornati nel piccolo villaggio che ci ha ospitati per riprendere la strada al contrario e rifare il tremendo passo di ieri. Il tutto con una tempesta che minacciava da sempre più vicino, rendendo la scommessa più difficile per Red e la 500.Il primo ostacolo è stato, come previsto, attraversare un ruscello generato dallo scioglimento del ghiacciaio poco più in alto, che invadeva completamente la strada per diverse decine di metri. Abbiamo dovuto liberare il passaggio nella parte più asciutta da tutti I sassi più grossi, per far passare la 500 almeno con due ruote fuori dall’acqua, a 20 centimentri dal bordo del burrone. Il mio cuore ha accelerato il battito, ed un fremito mi ha percorso mentre Red è riuscito a portare la 500 oltre questo punto per nulla semplice.

Il ritorno è stato molto più diretto e rapido del previsto, complice la discesa ed I punti di riferimento dal giorno prima. Il sole del tardo pomeriggio satura I colori e rende queste montagne coperte di un intenso velluto verde, mentre le cime sono colorate d’oro e di lavanda e poi ancora di una spessa coltre di pini. La vista della piccolissima strada bianca che si aggrovigliava verso valle in mezzo a tutto questo è stata notevole. Alla fine abbiamo rimesso I piedi della 500 sull’asfalto, increduli di essere arrivati così lontani senza aver neppure mai forato una gomma su quella strada impossibile.


La direzione è subito verso l’Azerbaijan e visto che mancano 280 km alla frontiera è ora di andare. La strada verso Lagodekhi è stata tranquilla, a parte un piccolo contrattempo dovuto al fatto che siamo rimasti senza benzina. Da decine di chilometri non si vedeva una pompa, la tanica non l’abbiamo ancora riempita e il passo del Tusheti ci ha lasciato a secco. Per fortuna un giovane pope si è fermato in aiuto, portandomi dal primo benzinaio e riportandomi indietro con una tanica piena.

Siamo riusciti ad addentare l’ultimo Khachapuri a Lagodekhi prima di passare la frontiera. Come al solito alla vista di un passaporto indonesiano I poliziotti sgranano gli occhi, ma siamo passati senza grossi ritardi. Dal lato azero, abbiamo atteso per mezz’ora l’addetto all’assicurazione stradale, seduti con altri doganieri in una stanza dove la televisione vomitava musica techno-rap russa, il tutto condito da videoclip soft porno. E’ stato divertende vedere come tutti gli uomini ci buttassero un occhio, una volta ogni tanto con occhi splancati e bocca aperta.

La direzione presa portava a Seki, dove siamo arrivati alle 4 del mattino all’unico posto che siamo stati capaci di trovare per passare la notte: un motel alla stazione di servizio della Azerpetrol, sulla statale per Baku. Gli onori li ha fatti un piccolo uomo dalla dentatura aurea, che cercava di farci capire qualcosa che abbiamo inteso solo più tardi. Non essendo sposati non voleva darci una doppia ma due singole, ovviamente più costose. Alla fine ha compilato due ricevute come se ci avesse dato due stanze, accordandoci uno sconto sulla seconda mai usata. Era troppo tardi per discutere e l’azero non è il nostro forte. Eravamo decisamente stanchi ed un paio di brande, per quanto pagate quasi il 50% in più, erano un ottimo deterrente contro ulteriori scontri col piccolo omino della Azerpetrol.

Siamo già stati in paesi Islamici in passato e non mi aspettavo questa discussione, a quest’ora di notte, in Azerbaijan.

[ad#Google Adsense 336 x 280]
[/it]

Written by redflymilano

September 9, 2010 at 10:00 am

2 Responses

Subscribe to comments with RSS.

  1. La ex-CCCP e’ sempre stato il paese più grande del mondo…e non solo geograficamente parlando :) Suonera assurdo ma le vostre storie finora pubblicate mi ridanno un pò di senso di appartenenza che dopo anni lontana da casa temevo di aver perduto completamente. Un abbrraccio forte!!

    Nat

    September 9, 2010 at 8:58 pm

    • it’s impossible to deny your origins :-)

      Che

      September 11, 2010 at 7:19 am


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

%d bloggers like this: